Entra in contatto con noi

Depenalizzazione della cannabis in Thailandia?

Pubblicato

su

La depenalizzazione della cannabis in Thailandia sotto i riflettori
PUBLICITE

Il futuro dell’industria tailandese della cannabis è in una situazione di limbo dopo che è stata avviata una causa in tribunale per contestare la depenalizzazione della cannabis nel Paese.

Il 9 giugno, il Ministero della Sanità pubblica thailandese ha emesso un decreto che rimuove la cannabis dalla lista dei narcotici. In base a questo regolamento, la coltivazione e il commercio di cannabis e canapa sono stati più o meno consentiti. I ristoranti e i caffè possono vendere cibi e bevande infusi di cannabis, ma solo se non contengono più dello 0,2% di THC. I prodotti con concentrazioni di THC più elevate sono consentiti, ma solo per scopi medici.

L’opposizione non è stata molto entusiasta e l’industria tailandese della cannabis è stata criticata per la mancanza di controlli di base. L’opposizione sostiene che il ministro della Sanità Anutin Charnvirakul ha causato problemi sociali al Paese e ha violato le leggi locali e internazionali emanando il decreto di depenalizzazione. In risposta alle crescenti critiche, il Ministero della Salute Pubblica ha annunciato una nuova norma per controllare meglio la promozione e la vendita dei fiori di cannabis, ma la legge non è ancora entrata in vigore.

Lunedì, la Corte amministrativa centrale della Thailandia ha accettato una causa guidata da Smith Srisont del Consiglio medico della Thailandia e da parlamentari dei partiti politici di opposizione che chiedevano di revocare l’ordine di depenalizzazione.

PUBLICITE

Il governo, nel frattempo, dovrebbe presentare al parlamento il 23 novembre il suo Cannabis Act, la legislazione che regolamenterebbe in modo permanente la cannabis.

I sostenitori della legalizzazione reagiscono

Una delle principali sostenitrici della cannabis in Thailandia, Chokwan “Kitty” Chopaka, ha annunciato su Facebook che lei e altri proprietari di dispensari si sarebbero radunati a mezzogiorno del 22 novembre presso la sede del governo a Bangkok per protestare contro la causa, che potrebbe fermare tutto.

“Sono andato in diversi dispensari intorno a Sukhumvit per invitarli a partecipare alla protesta di domani, ed è andata meglio di quanto pensassi, credo che vedere la propria attività minacciata possa rendere le persone piuttosto attive”, ha scritto Chopaka su Facebook, tradotto dal thailandese.

“Mi scuso se non sono riuscito a invitare personalmente ogni dispensario, e vorrei cogliere questo momento per invitare tutti i dispensari a uscire e protestare contro il Narcotics Control Board che vuole penalizzare ancora la cannabis. Ciò significa che tutti i dispensari potrebbero essere chiusi”

PUBLICITE

“Quelli che non vogliono che le loro attività vengano chiuse. Chi non vuole che il proprio investimento scompaia. Quelli che non vogliono nascondere di nuovo la loro cultura. Chi vuole vendere cannabis legalmente. Quelli che non vogliono tornare al test delle urine. Coloro che vogliono mantenere la cannabis legale, vengano e si uniscano a noi.

ABC News riferisce che circa 200 persone si sono presentate alla manifestazione presso la sede del governo a Bangkok. “Vogliamo assicurarci che questi politici non cerchino di rimettere la cannabis nella lista degli stupefacenti. Se ciò accade, la nostra lotta di anni non significherà nulla”, ha detto all’Associated Press Akradej Chakjinda, coordinatore di Cannakin, una rete di sostenitori della depenalizzazione della cannabis.

Un altro sostenitore, Soranut “Beer” Masayavanich, proprietario del dispensario di Sukhumweed, ha detto che un altro gruppo si incontrerà al Ministero della Salute Pubblica per discutere con Charnvirakul la prossima legge sulla cannabis.

“Il nostro obiettivo è creare una comprensione reciproca dei benefici che la cannabis porterà”, ha detto Beer. “Sottolineiamo che la depenalizzazione della cannabis porta benefici a molti settori, dal turismo all’economia all’agricoltura”

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed