Entra in contatto con noi

I consumatori di cannabis mostrano gli stessi livelli di motivazione dei non consumatori

Pubblicato

su

Cannabis e motivazione
PUBLICITE

I luoghi comuni sul consumo di cannabis sono difficili da sostenere. Per alcuni, i consumatori di cannabis sono necessariamente pigri o demotivati. Un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università di Cambridge rivela che i consumatori di cannabis non sono meno motivati dei non consumatori.

È interessante notare che lo studio rivela che i fumatori sono in realtà più propensi a divertirsi nelle situazioni quotidiane, come vedere amici e familiari.

I dettagli dello studio

Ricercatori del Regno Unito hanno reclutato 274 adolescenti e adulti consumatori di cannabis per esaminare se la sostanza porta a livelli più elevati di apatia e anedonia – una perdita di interesse o di piacere nel ricevere ricompense. Ognuno di questi soggetti ha riferito di aver fatto uso di cannabis almeno una volta alla settimana negli ultimi tre mesi, e il partecipante medio ne fa uso quattro volte alla settimana. Il team ha poi abbinato questo gruppo a una coorte di non consumatori della stessa età e sesso.

I partecipanti hanno compilato dei questionari che misuravano l’anedonia, chiedendo a ciascuno di valutare affermazioni come “Vorrei stare con la mia famiglia o con gli amici più cari” Gli autori dello studio hanno anche misurato i livelli di apatia chiedendo a ogni persona se fosse interessata a imparare cose nuove o se fosse motivata a completare un compito.

PUBLICITE

I consumatori di cannabis si godono di più la vita

I risultati rivelano che i consumatori di cannabis hanno ottenuto punteggi leggermente superiori a quelli dei non consumatori nei test che misurano l’anedonia. In altre parole, le persone che fanno uso di cannabis sembrano essere più capaci di divertirsi.

Inoltre, lo studio non ha rilevato differenze nei punteggi di apatia tra utenti e non utenti. L’équipe non ha nemmeno trovato una relazione discernibile tra la frequenza del consumo di cannabis e i livelli di apatia o anedonia.

“Siamo stati sorpresi di scoprire che c’era davvero poca differenza tra i consumatori di cannabis e i non consumatori in termini di mancanza di motivazione o di piacere, anche tra coloro che facevano uso di cannabis ogni giorno. Questo va contro l’immagine stereotipata che vediamo in TV e nei film”, afferma Martine Skumlien, dottoranda presso il dipartimento di psichiatria di Cambridge, in un comunicato dell’università.

In generale, gli adolescenti tendono a ottenere punteggi più alti degli adulti per quanto riguarda l’anedonia e l’apatia, indipendentemente dal fatto che facciano o meno uso di cannabis.

PUBLICITE

“C’è stata molta preoccupazione sul fatto che l’uso di cannabis nell’adolescenza possa portare a risultati peggiori rispetto all’uso di cannabis in età adulta. Ma il nostro studio, uno dei primi a confrontare direttamente adolescenti e adulti che fanno uso di cannabis, suggerisce che gli adolescenti non sono più vulnerabili degli adulti agli effetti negativi della cannabis sulla motivazione, sull’esperienza del piacere o sulla risposta del cervello alla ricompensa”, aggiunge il dottor Will Lawn del King’s College di Londra.

“In realtà, sembra che la cannabis non abbia alcun legame – o al massimo deboli associazioni – con questi risultati in generale. Tuttavia, abbiamo bisogno di studi che esaminino queste associazioni per un lungo periodo di tempo per confermare questi risultati”

La percezione dello stoner pigro “è essa stessa uno stereotipo di pigrizia”

L’équipe ha anche condotto un esperimento comportamentale con la metà dei volontari, valutando sia lo sforzo fisico che il divertimento di ciascuno dopo aver ricevuto le ricompense.

Ai partecipanti è stata data l’opportunità di premere dei pulsanti per guadagnare punti, che potevano essere scambiati con dolci da portare a casa. Il test prevedeva tre livelli di difficoltà, con quelli più difficili che richiedevano ai partecipanti di premere i pulsanti più rapidamente. Il giocatore può anche scegliere di accettare o rifiutare l’offerta e ricevere punti per i compiti completati.

Il gruppo ha poi dovuto stimare quanto desiderava ogni ricompensa disponibile, tra cui ascoltare la propria canzone preferita, un pezzo di cioccolato o una moneta da un dollaro. Dopo aver ricevuto ogni ricompensa, il gruppo ha valutato il suo gradimento su una scala da “non mi piace affatto” a “mi piace intensamente”.

I risultati non hanno mostrato differenze tra consumatori e non consumatori di cannabis, né tra gruppi di età diversi.

“Siamo così abituati a vedere i ‘fumatori pigri’ sui nostri schermi che non ci fermiamo a chiederci se siano una rappresentazione accurata dei consumatori di cannabis. Il nostro lavoro implica che questo è di per sé uno stereotipo di pigrizia e che le persone che fanno uso di cannabis non hanno più probabilità di mancare di motivazione o di essere più pigre di quelle che non ne fanno uso”, dice Skumlien.

“Le supposizioni ingiuste possono essere stigmatizzanti e ostacolare i messaggi di riduzione del danno. Dobbiamo essere onesti e sinceri su quali sono e quali non sono le conseguenze dannose del consumo di droga”

Le scansioni cerebrali mostrano la stessa cosa

Basandosi su studi precedenti sull’impatto della cannabis sul cervello, l’équipe ha poi esaminato le scansioni fMRI per vedere se l’attività cerebrale cambiava mentre una persona fumava cannabis. Si sono concentrati sullo striato ventrale, una regione chiave del sistema di ricompensa del cervello.

Queste scansioni non hanno rivelato cambiamenti significativi in questa regione cerebrale, suggerendo che il consumo di cannabis non altera il modo in cui le persone rispondono alle ricompense e al piacere.

“I nostri dati indicano che il consumo di cannabis non sembra avere un effetto sulla motivazione dei consumatori ricreativi. I partecipanti al nostro studio includevano consumatori che usavano cannabis in media quattro giorni alla settimana e non avevano maggiori probabilità di mancare di motivazione. Tuttavia, non possiamo escludere che un uso più intenso, come quello che si riscontra in alcune persone con disturbi da uso di cannabis, abbia un effetto”, conclude la professoressa Barbara Sahakian del Dipartimento di Psichiatria dell’Università di Cambridge.

“Finché non avremo studi di ricerca futuri che seguano i consumatori adolescenti dall’inizio dell’uso fino alla prima età adulta e che combinino misure di motivazione e di imaging cerebrale, non potremo stabilire con certezza che il consumo regolare di cannabis non abbia un impatto negativo sulla motivazione e sullo sviluppo del cervello”

I risultati sono stati pubblicati nella rivista International Journal of Neuropsychopharmacology.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed