Entra in contatto con noi

La maggior parte degli Stati Uniti legalizzerà gli psichedelici entro il 2037

Pubblicato

su

Gli psichedelici negli Stati Uniti
PUBLICITE

La maggioranza degli Stati Uniti legalizzerà gli psichedelici entro il 2037, secondo una nuova analisi pubblicata su una rivista dell’American Medical Association e basata su un modello statistico del movimento per la legalizzazione della cannabis negli Stati Uniti.

La riforma delle droghe psichedeliche è progredita “rapidamente e in modo disparato” negli Stati Uniti – e mentre il movimento di depenalizzazione è iniziato negli Stati più liberali, “la riforma delle droghe psichedeliche sta diventando una questione bipartisan”, secondo lo studio pubblicato mercoledì sul Journal of the American Medical Association (JAMA) Psychiatry.

I ricercatori della Washington University di St. Louis hanno compilato e analizzato i dati relativi alle leggi sugli psichedelici introdotte e promulgate nelle città e nei singoli Stati degli USA, nonché alle iniziative elettorali sul tema dal 2019 al 2022.

A partire dalla storica decisione di Denver di depenalizzare la psilocibina nel maggio 2019, il rinascimento psichedelico è esploso negli ultimi anni, assumendo la forma di proposte per porre fine alla criminalizzazione, promuovere la ricerca e legalizzare la psilocibina per usi terapeutici, come hanno scelto di fare gli elettori dell’Oregon nel voto del 2020. Il Colorado ha seguito il mese scorso con un’iniziativa approvata dagli elettori per legalizzare il possesso da parte degli adulti di un’ampia gamma di psichedelici e istituire “centri di cura” per la psilocibina.

PUBLICITE

Questo movimento “richiede il consenso sui modelli di trattamento, la formazione e l’orientamento degli operatori sanitari e la pianificazione dell’attuazione e della regolamentazione”, si legge nello studio.

PUBLICITE

L’analisi mostra che la metà degli Stati Uniti ha preso in considerazione un totale di 74 proposte di legge sugli psichedelici. 10 proposte di legge sono già state promulgate e 32 sono ancora attive. I ricercatori hanno anche notato che la maggior parte delle misure di riforma “specificava la psilocibina”, mentre l’MDMA era la seconda sostanza più frequentemente menzionata.

“Mentre i primi sforzi legislativi sono stati compiuti in Stati liberali, il margine tra Stati liberali e conservatori si è ridotto nel tempo (anche se la differenza non è significativa), suggerendo che la riforma delle droghe psichedeliche sta diventando una questione bipartisan”, hanno affermato i ricercatori.

“Un modello analitico basato sulla legalizzazione della cannabis prevede che la maggioranza degli Stati legalizzerà gli psichedelici entro il 2034-2037”.

Gli autori dello studio hanno aggiunto che “il futuro degli psichedelici” in questo Paese sarà influenzato anche da diversi fattori chiave, come l’esito delle “decisioni della Food and Drug Administration (FDA) basate sugli studi clinici in corso”, le possibili azioni della Drug Enforcement Administration (DEA) sulla classificazione degli psichedelici come sostanze controllate e “la riforma legislativa a livello statale, che è stata il principale motore della legalizzazione della cannabis”.

“La cannabis ha ottenuto la sua legalizzazione attraverso la riforma legislativa nella maggior parte degli Stati, nonostante il mantenimento dello status di Schedule I della DEA e la mancanza di approvazione da parte della FDA”, afferma lo studio. “Ora, le riforme legislative statali stanno cambiando le prospettive per il trattamento degli psichedelici e l’applicazione delle droghe illecite”

La futura considerazione di un cambiamento di politica per gli psichedelici “dovrebbe affrontare le questioni chiave dell’assistenza sanitaria, come la definizione di (1) standard per i farmaci ottenuti al di fuori della struttura medica, (2) criteri di autorizzazione per i prescrittori e i terapeuti, (3) infrastrutture cliniche e di fatturazione, (4) potenziali controindicazioni e (5) l’uso in popolazioni speciali come i giovani, gli adulti anziani e gli individui in gravidanza”

“I risultati del nostro studio hanno dimostrato che, dopo decenni di restrizioni legali, gli Stati Uniti si sono rapidamente orientati verso un maggiore accesso agli psichedelici. La depenalizzazione è solo una fase di un complesso processo di trasformazione di questi composti in terapie sicure ed efficaci. Questo processo avrà importanti conseguenze per la comunità medica e scientifica. L’integrazione del trattamento psichedelico nella pratica clinica richiederà di rimuovere molti strati di proibizione legale e di approvazione della FDA, di chiarire le linee guida per la prescrizione e di sviluppare modelli di trattamento che funzionino per i produttori di farmaci, i medici e i pazienti”

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed Nederland

Newsweed è la principale fonte di informazioni sulla cannabis legale in Europa - © Newsweed