Entra in contatto con noi
Puffy

L’American University Athletic Association (NCAA) rimuove la cannabis dall’elenco delle sostanze proibite

Pubblicato

su

Cannabis nello sport negli Stati Uniti
Seguici su Facebook
PUBLICITE

ha votato per rimuovere la cannabis dalla lista delle sostanze proibite per i giocatori della Divisione I, con effetto immediato.

Modifica della politica della NCAA: contesto e attuazione

La decisione della NCAA arriva circa cinque mesi dopo che il Consiglio della Divisione I ha proposto il cambiamento della regola. La politica è stata ufficialmente adottata martedì, riflettendo un crescente consenso sul fatto che la cannabis non è una droga che migliora le prestazioni e dovrebbe essere trattata come l’alcol. La riforma fa seguito a una modifica della politica del 2022, che ha innalzato la soglia di THC consentita agli atleti universitari, allineando le norme NCAA a quelle dell’Agenzia Mondiale Antidoping (WADA).

Questa nuova regola adottata modifica le politiche di test antidoping della NCAA per i campionati sportivi studenteschi e per la partecipazione alla postseason del football. È importante notare che sarà applicata retroattivamente, il che significa che tutte le sanzioni a cui i giocatori sono attualmente soggetti per reati legati alla cannabis saranno rimosse.

Josh Whitman, presidente del consiglio di amministrazione, ha dichiarato: “Il programma di test antidroga della NCAA ha lo scopo di concentrarsi sull’integrità della competizione, e i prodotti a base di cannabis non offrono un vantaggio competitivo”.

PUBLICITE

Priorità alla salute e al benessere

La NCAA ha sottolineato che il suo programma di test antidroga è ora incentrato sulla salute e sul benessere degli studenti-atleti piuttosto che su misure punitive. Secondo un post sui social media della NCAA, “i cannabinoidi saranno trattati come altre droghe che non migliorano le prestazioni, come l’alcol. I membri della NCAA si concentreranno sulle strategie di riduzione del danno legate all’uso problematico di cannabis, con particolare attenzione alla salute degli studenti-atleti”

Il cambiamento di politica segue una raccomandazione preliminare fatta lo scorso giugno dal Comitato NCAA per le Salvaguardie Competitive e gli Aspetti Medici dell’Atletica (CSMAS). Il comitato aveva consigliato ai tre organi di governo della NCAA di rimuovere la cannabis dalla lista delle sostanze proibite. Sebbene le Divisioni II e III debbano ancora votare sulla proposta, la decisione è un segno di una tendenza più ampia a rivalutare l’uso della cannabis nello sport.

Implicazioni e risposte più ampie

Questa decisione fa parte di un movimento più ampio all’interno di varie organizzazioni sportive per rivalutare le politiche di sperimentazione della cannabis nel contesto di una diffusa legalizzazione statale. Per esempio, la NFL e il sindacato dei giocatori hanno concordato di porre fine alle sospensioni legate al consumo di cannabis come parte di un accordo di contrattazione collettiva nel 2020. La NFL ha anche finanziato la ricerca sul potenziale del CBD come alternativa efficace agli oppioidi ed esplorato i suoi benefici terapeutici per la gestione del dolore e la neuroprotezione contro le commozioni cerebrali.

Allo stesso modo, l’Ultimate Fighting Championship (UFC) ha annunciato a dicembre che avrebbe rimosso la cannabis dalla lista delle sostanze vietate agli atleti. Tuttavia, nonostante queste misure progressive, permangono discrepanze a livello statale, come nel caso della Commissione californiana di atletica leggera, che impone sanzioni per livelli di THC superiori a un certo limite, in linea con le linee guida della WADA.

PUBLICITE

Reazioni politiche e sociali

Il cambiamento di politica della NCAA ha suscitato diverse reazioni. (D-OR), co-presidente del Congressional Cannabis Caucus, ha dichiarato: “Lentamente, ma inesorabilmente, l’America sta rinsavendo dopo 50 anni di guerra fallita alla droga”

Ha anche detto che la decisione è arrivata al momento giusto, dato che Sha’Carri Richardson si qualifica per le Olimpiadi del 2024, un’opportunità che aveva precedentemente perso a causa del test positivo al THC.

La riforma della NCAA riconosce l’inefficacia delle precedenti politiche che vietavano, testavano e penalizzavano gli atleti per il consumo di cannabis. L’organizzazione sta ora enfatizzando un approccio di riduzione del danno, basato su ricerche approfondite e sul parere di esperti, tra cui medici ed esperti di dipendenze. Questo cambiamento di politica riflette un più ampio riconoscimento del fatto che il consumo di cannabis non fornisce un vantaggio competitivo e pone l’accento sulla salute generale degli atleti.

Direzioni future

Sebbene la decisione della NCAA rappresenti un passo importante, le discussioni e i dibattiti sull’uso della cannabis nello sport continuano. Per esempio, l’AMA mantiene il suo divieto sulla cannabis, sostenendo che l’uso da parte degli atleti viola lo “spirito dello sport” e può potenzialmente compromettere la capacità di giudizio, ponendo rischi per gli altri.

I sostenitori hanno fatto pressione sulla WADA affinché rivedesse la sua posizione, in particolare dopo casi di alto profilo come la sospensione di Sha’Carri Richardson. L’Agenzia antidoping statunitense (USADA), la Casa Bianca e il presidente Joe Biden hanno tutti indicato che le regole internazionali sulla cannabis dovrebbero evolvere.

A questo proposito, un giocatore della NFL ha recentemente citato in giudizio la lega e la sua ex squadra, i Denver Broncos, per discriminazione sul lavoro dopo essere stato multato di oltre mezzo milione di dollari per essere risultato positivo al THC, nonostante gli fosse stato prescritto un cannabinoide sintetico.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed NederlandNewsweed PortugalNewsweed Deutschland

Newsweed è la principale fonte di informazioni sulla cannabis legale in Europa - © Newsweed