Entra in contatto con noi
Puffy

Nel Regno Unito, la prima cannabis terapeutica coltivata nel paese raggiunge le mani dei pazienti

Pubblicato

su

Fiori di cannabis Releaf
Seguici su Facebook
PUBLICITE

Il coltivatore britannico di cannabis terapeutica Glass Pharms ha ufficialmente consegnato il suo primo raccolto a un dispensario del Regno Unito, segnando la prima volta dalla legalizzazione della cannabis terapeutica che un prodotto coltivato in casa è stato reso disponibile ai pazienti.

Il lancio della cannabis medica coltivata nel Regno Unito segna un passo importante nello sviluppo del mercato, che è stato a lungo ostacolato dalla dipendenza dai prodotti importati e dal loro impatto sulle catene di approvvigionamento.

Releaf è uno dei primi dispensari a distribuire la prima cannabis medica con il timbro “Made in Britain”, ma Glass Pharms sta inviando il suo prodotto a vari clienti britannici.

“La nostra partnership con Glass Pharms rappresenta una nuova era per la cannabis medica nel Regno Unito”, ha dichiarato Tim Kirby, amministratore delegato di Releaf.

PUBLICITE

“Offrendo medicinali a base di cannabis coltivati localmente e in modo sostenibile, non solo rispondiamo a un significativo bisogno insoddisfatto nel settore sanitario e miglioriamo l’accesso dei pazienti, ma riduciamo anche il nostro impatto sull’ambiente e sosteniamo l’industria nazionale.”

Fornitura nazionale

Grazie alla partnership strategica con Glass Pharms, Releaf offrirà ora una gamma di prodotti floreali di cannabis medica a marchio proprio attraverso la sua piattaforma.

Glass Pharms ha da tempo dichiarato la sua ambizione di rifornire il mercato nazionale, dicendo a Business of Cannabis all’inizio di quest’anno che il Regno Unito era il suo mercato iniziale, in particolare per “risolvere i problemi di esaurimento delle scorte” per i pazienti britannici.

“Crediamo che se la catena di approvvigionamento viene sostituita e i pazienti hanno l’opportunità di ricevere un farmaco affidabile, riproducibile e standardizzato che funziona, si elimina uno dei principali attriti dell’industria stessa”, ha dichiarato la società.

PUBLICITE

Per raggiungere questo obiettivo, Glass Pharms afferma di aver sviluppato un “modello di produzione continua”, che consentirà di raccogliere “ogni settimana dell’anno”, accorciando significativamente la catena di approvvigionamento e consentendo all’azienda di fornire fiori freschi che soddisfano “standard rigorosi” per i profili di terpeni e cannabinoidi.

Kirby ha dichiarato a Business of Cannabis: “Quando ci siamo imbarcati in questo progetto, a febbraio, non mi ero reso conto di quanto la catena dell’approvvigionamento fosse danneggiata. Questi ecosistemi a ciclo chiuso semplicemente non supportano un’attività su larga scala”

“È stato un caso fortuito. Il mese scorso abbiamo rimborsato 40.000 sterline ai pazienti perché non avevamo rispettato la nostra carta in termini di tempi di consegna. Avevamo detto che avremmo consegnato entro sette giorni, ma non è successo”

“È stato esattamente nello stesso periodo che ho incontrato James e Mark di Glass Pharms, che condividevano il mio punto di vista sulla causa della stagnazione del Regno Unito e stavano letteralmente per ottenere il loro primo raccolto”

Continua dicendo che Releaf ha accettato di acquistare “la maggior parte del loro primo raccolto possibile” e ha trovato un partner per gestire lo stoccaggio, la finitura e il confezionamento del prodotto di Glass Pharms in fiori di cannabis terapeutica a marchio Releaf.

“Non solo abbiamo assicurato l’ecosistema in termini di approvvigionamento, ma abbiamo anche reso più fluida la catena di approvvigionamento in termini di presentazione del prodotto al paziente”

Le due parti avrebbero concordato un contratto di 12 mesi, in base al quale Glass Pharms utilizzerà il suo ciclo di crescita continua per coltivare secondo le aspettative di Releaf “per 16 settimane”.

L’amministratore delegato di Glass Pharms, James Duckenfield, ha aggiunto: “I pazienti beneficeranno ora di una sicurezza di approvvigionamento che prima mancava in un mercato dipendente dalle importazioni. In precedenza, la possibilità per i medici di prescrivere ripetutamente lo stesso prodotto era incerta a causa di problemi legati alla catena di approvvigionamento. Il nostro modello di raccolta continua contribuirà a porre fine alle scorte che hanno frenato lo sviluppo di questa promettente area terapeutica nel Regno Unito”

“Siamo lieti che Releaf sia il nostro primo cliente a commercializzare il nostro fiore. Hanno una forte attenzione all’esperienza del paziente e un’eccellente piattaforma tecnologica proprietaria per raggiungere questo obiettivo. L’offerta combinata è un’ottima notizia per i pazienti, soprattutto per quelli che hanno a cuore l’ambiente”

Catena di approvvigionamento del Regno Unito

Come riportato nello European Cannabis Report: 9th Edition di Prohibition Partners, il mercato britannico della cannabis terapeutica è ora il secondo più grande in Europa ed è il principale motore di crescita della regione.

Nonostante questa crescita e il consumo eccezionalmente elevato da parte dei pazienti britannici, la catena di approvvigionamento e le barriere all’importazione continuano a limitarne il potenziale.

Source: Prohibition Partners European Cannabis Report: 9th edition

Source: Prohibition Partners European Cannabis Report: 9th edition

Il processo di importazione di prodotti finiti di cannabis terapeutica è inoltre costoso e altamente burocratico. I prodotti possono essere importati solo sulla base di lettere di “necessità clinica” da parte dei medici, che descrivono in dettaglio i requisiti specifici del prodotto (cioè quantità specifiche di determinati prodotti nominati), e solo per un periodo di tre mesi.

Questo processo aumenta il costo dei prodotti per i pazienti e riduce la coerenza e la disponibilità delle forniture.

Per soddisfare la crescente domanda, i dispensari hanno aggirato questi problemi importando prodotti intermedi piuttosto che prodotti finiti, scegliendo di svolgere le fasi finali di produzione nel Regno Unito.

Questo permette loro di importare cannabis medica classificata come materia prima della Tabella I, che è più economica e facile da introdurre nel Paese rispetto a un prodotto finito della Tabella II.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed NederlandNewsweed PortugalNewsweed Deutschland

Newsweed è la principale fonte di informazioni sulla cannabis legale in Europa - © Newsweed