Entra in contatto con noi

Obblighi, omissioni e regole dell’UE: Kenzi Riboulet-Zemouli sulla legalizzazione della cannabis in Germania

Pubblicato

su

Legalizzazione della cannabis in Germania
PUBLICITE

Kenzi Riboulet-Zemouli, una delle maggiori esperte europee di politica sulla cannabis, ha parlato con BusinessCann della proposta di legalizzare la cannabis in Germania.

Nonostante i gravi difetti nel suo approccio, è improbabile che la Commissione Europea abbia il potere di fermare l’ambizione della Germania di stabilire un mercato della cannabis per uso adulto, afferma il principale esperto internazionale di politica delle droghe.

Nell’annunciare i suoi piani per la legislazione sulla cannabis, la Germania sta adottando un approccio “interpretativo” agli obblighi derivanti dalle convenzioni internazionali sulle droghe, che presenterà alla Commissione Europea dopo le discussioni preliminari.

Kenzi Riboulet-Zemouli, tuttavia, esprime profonda preoccupazione per le proposte tedesche, che considera “insufficientemente elaborate”, “piene di errori” e “mal concepite”.

PUBLICITE

Il mandato degli Stati nazionali

Per Kenzi Riboulet-Zemouli, tuttavia, l’aspetto più importante è che uno Stato nazionale, anche se legato a un organismo economico regionale più ampio come l’Unione Europea, ha la capacità – come nel caso dell’Uruguay e – di istituire un proprio programma nazionale di controllo della droga.

“Sebbene la Germania non abbia fatto i compiti a casa e il suo libro bianco sia infarcito di molti errori fondamentali, l’interpretazione dei trattati è il mandato degli Stati nazionali, non della Commissione europea o dell’INCB. Non possono mettere in discussione le interpretazioni degli Stati degli impegni assunti con i trattati. Gli Stati hanno il diritto di procedere alla legalizzazione purché adottino una delle due interpretazioni consentite dal diritto internazionale”, ha affermato.

Le due possibili strade da percorrere sono un approccio interpretativo “lex lata” alla legalizzazione dell’industria della cannabis non medica ai sensi dell’articolo 2(9) della Convenzione Unica sugli Stupefacenti del 1961 (SCND), oppure la legalizzazione come esperimento scientifico.

Omissioni sorprendenti

Tuttavia, la dichiarazione interpretativa della Germania non menziona nessuna di queste opzioni e, curiosamente, non fa nemmeno riferimento alla Convenzione unica del 1961, sebbene contenga le principali disposizioni legali sulla cannabis “ed è ipso facto parte dell’acquis comunitario”, secondo Riboulet-Zemouli.

PUBLICITE

Il documento cita anche la Convenzione del 1988, affermando che è stata ratificata dall’Unione Europea (UE), il che non è del tutto esatto, poiché l’UE ha ratificato solo una piccola parte della Convenzione del 1988, che non riguarda la cannabis.

Riboulet-Zemouli ha aggiunto: “Sebbene l’approccio lex lata sia quello giusto, è molto sorprendente che la Germania non abbia fatto riferimento a nessuno dei due percorsi” e suggerisce che potrebbe esserci una mancanza di chiarezza nel suo approccio.

“Sarebbe più sensato fare riferimento all’articolo 2(9) della Convenzione del 1961, che è già utilizzato per il commercio legale di canapa e CBD e che può essere esteso a un’esenzione totale della cannabis, indipendentemente dal suo contenuto di THC, per scopi industriali”

“Poi c’è l’articolo 28 che prevede l’esenzione totale della coltivazione di cannabis per scopi industriali”

“Ignorare queste disposizioni e legalizzare senza tener conto di queste (o anche di altre) disposizioni giuridiche concrete rappresenterebbe purtroppo una violazione prima facie del diritto internazionale”

Con la sua dichiarazione interpretativa, la Germania afferma che “l’attuazione dell’accordo di coalizione – a determinate condizioni ristrette di regolamentazione statale e di miglioramento degli standard nei settori della salute e della protezione dei giovani, nonché della lotta al traffico illecito di droga – è compatibile con lo scopo e i requisiti legali delle convenzioni”.

Ma tace sulla natura di questa compatibilità.

Dichiarazione della Commissione europea

In una risposta via e-mail a BusinessCann, la portavoce della Commissione Europea (CE) per gli affari interni, Anitta Hipper, ha dichiarato che la Commissione è ancora in attesa di una richiesta formale di consultazione da parte della Germania.

Ha poi fornito la seguente dichiarazione, che si concentra esclusivamente sulla cannabis illecita e sulla depenalizzazione, senza menzionare i progressi sulla cannabis medica .

Ha dichiarato: “La legislazione europea esistente prevede sanzioni penali minime per il traffico di droghe illecite e vieta la coltivazione della cannabis. L’acquis comunitario (decisione quadro 2004/757/GAI del Consiglio) obbliga gli Stati membri ad adottare le misure necessarie per garantire che i reati legati al traffico di droga, compresa la cannabis, siano punibili”

“Ciò significa che, tranne nel caso del consumo personale di droghe, che è lasciato alla discrezione di ogni Stato membro, la legislazione dell’Unione richiede che tutte le attività legate al traffico di cannabis (produzione, fabbricazione, estrazione, preparazione, offerta, messa in vendita, distribuzione, vendita, consegna) siano soggette a sanzioni da parte delle leggi nazionali.”

“L’acquis comunitario non copre l’uso personale di droghe. Spetta quindi agli Stati membri decidere come affrontare l’uso personale di droghe, compresa la cannabis”

Nessuna prenotazione prevista

Kai-Friedrich Niermann, un avvocato tedesco specializzato in cannabis, ha detto che le discussioni preliminari che la Germania ha avuto con l’UE indicano una risposta favorevole ai suoi piani.

Ha dichiarato: “Non ci si deve aspettare alcuna riserva fondamentale a questo proposito, altrimenti il governo non avrebbe scelto questa strada. Tanto più che alcuni Stati membri si stanno già preparando per una riforma della loro politica nazionale sulla cannabis”

Egli afferma inoltre che si aspetta che l’UE si esprima sull’approccio della Germania nel breve termine, “in modo che il progetto di legge possa essere introdotto nel Bundestag come previsto a partire da gennaio”.

E, se ci sarà un riscontro da parte dell’UE, avrà un impatto limitato.

E ha aggiunto: “Il governo tedesco non lascia dubbi sul fatto che la legalizzazione della cannabis sia politicamente voluta e che la porterà avanti contro ogni previsione.

“Se la Commissione europea non fosse d’accordo con i piani tedeschi – se mai fosse giuridicamente rilevante – potrebbe farlo solo nella misura in cui si tratta di stabilire una catena di valore commercializzata, cioè dalla coltivazione al commercio, con il possesso e il consumo personale privilegiati dal diritto internazionale ed europeo”

Violazione delle regole dell’UE?

Kenzi Riboulet-Zemouli ha evidenziato come l’UE potrebbe aprire una procedura di infrazione contro la Germania per violazione dell’acquis comunitario.

Tuttavia, al di là della decisione quadro 2004/757/GAI del Consiglio – evidenziata nella dichiarazione della CE a BusinessCann – ha sostenuto che il diritto dell’UE comprende anche “obblighi chiari e diretti per quanto riguarda il commercio legale di prodotti medicinali”.

E ha aggiunto: “Se la Germania non ha fatto il suo dovere, gli Stati nazionali possono determinare il proprio percorso in base alla propria interpretazione degli impegni internazionali”

È discutibile che la Germania, in quanto membro fondatore e paese più grande dell’UE, sia disposta ad andare avanti da sola.

In un documento pubblicato la scorsa settimana, The Canna Consultants pone la questione in primo piano, affermando: “Se la risposta della Commissione alla Germania è ‘no’, è quasi inconcepibile che la Germania affronti di petto la Commissione in una battaglia pubblica su questo tema”.

Riboulet-Zemouli ha continuato: “Vedo che la Germania si sta muovendo molto lentamente nel progettare la legge, il documento diramato (che delinea i suoi piani) è stato una sorpresa per molti nel governo tedesco e non solo. Potrebbe non essere stato un consenso tra tutti i rami del governo, né con i Paesi dell’UE che hanno lavorato a stretto contatto con la Germania sulla riforma dell’UE”

“Il suo approccio è dispersivo e questo potrebbe riflettere alcune delle divisioni interne alla politica tedesca, che ora sta rallentando la riforma tedesca”

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed