Entra in contatto con noi

Studio: l’ecstasy incoraggia i polpi a coccolarsi

Pubblicato

su

Polpi e MDMA
PUBLICITE

Chiunque abbia assunto MDMA ha probabilmente provato una scarica di euforia e sensazioni tattili. Si è scoperto che questo è il caso anche dei polpi.

Uno studio del 2018 condotto da ricercatori della Johns Hopkins University, i cui risultati sono stati presentati in un articolo pubblicato questo mese su Psychedelic Spotlight, ha testato la “risposta comportamentale all’MDMA, o ecstasy, una popolare droga che altera l’umore” in queste creature marine. L’esperimento ha trasformato l’habitat degli animali in una sorta di rave sottomarino.

Leggi tutto: Progetto E206: rinchiudere 20 donne per 98 giorni e costringerle a fumare spinelli

Il ricercatore principale “ha progettato un esperimento con tre camere d’acqua interconnesse: una camera vuota, una camera con una figura di plastica sotto una gabbia e una camera con un polpo maschio o femmina allevato in laboratorio”.

PUBLICITE

“Quattro polpi maschi e femmine sono stati esposti all’MDMA mettendoli in un becker contenente una versione liquefatta della droga, che viene assorbita dai polpi attraverso le branchie. Sono stati poi collocati in camere sperimentali per 30 minuti. I quattro polpi tendevano a trascorrere più tempo nella camera in cui era ingabbiato un polpo maschio rispetto alle altre due camere”, spiega lo studio.

“La maggior parte dei polpi sono animali asociali che evitano gli altri, compresi gli altri polpi. Ma a causa di alcuni loro comportamenti, Dölen ha pensato che potesse esserci un legame tra la genetica che guida il comportamento sociale in loro e negli esseri umani. Ha quindi studiato la genomica dei neurotrasmettitori, i segnali che i neuroni si trasmettono a vicenda per comunicare. Gül Dölen ed Eric Edsinger, ricercatore presso il Marine Biological Laboratory di Woods Hole (Massachusetts), hanno analizzato da vicino la sequenza genomica di Octopus bimaculoides, comunemente noto come polpo californiano a due macchie.

Lo studio prosegue: “Più specificamente, nelle regioni genetiche che controllano il modo in cui i neuroni legano i neurotrasmettitori alle loro membrane, Dölen e Edsinger hanno scoperto che i polpi e gli esseri umani hanno codici genomici quasi identici per il trasportatore che lega il neurotrasmettitore serotonina alla membrana dei neuroni. La serotonina è un noto regolatore dell’umore ed è strettamente legata ad alcune forme di depressione”.

Dölen, professore assistente di neuroscienze presso la Johns Hopkins University School of Medicine e ricercatore principale degli esperimenti, ha spiegato che “i cervelli dei polpi sono più simili a quelli delle lumache che a quelli degli esseri umani, ma i nostri studi dimostrano che possono mostrare alcuni dei nostri stessi comportamenti”.

PUBLICITE

Leggi tutto: La maggior parte degli Stati Uniti legalizzerà gli psichedelici entro il 2037

“I nostri studi suggeriscono che alcune sostanze chimiche del cervello, o neurotrasmettitori, che inviano segnali tra i neuroni necessari per questi comportamenti sociali, si sono conservate nel corso dell’evoluzione”, ha detto Dölen.

Dölen ha aggiunto che il lungo periodo trascorso dai polpi nelle camere sperimentali è stato “non solo più lungo quantitativamente, ma anche qualitativamente”.

“Tendevano ad abbracciare la gabbia e ad appoggiarvi l’apparato boccale”, ha spiegato Dölen. “Questo è molto simile al modo in cui gli esseri umani reagiscono all’MDMA: si toccano spesso”

“I polpi sospendono il loro comportamento antisociale per accoppiarsi, ad esempio. Poi, una volta completato l’accoppiamento, passano alla modalità aggressiva e antisociale”, ha aggiunto Dölen.

Dölen osserva che “gli esperimenti suggeriscono che i circuiti cerebrali che guidano il comportamento sociale dei polpi sono presenti in condizioni normali, ma possono essere soppressi da circostanze naturali o di altro tipo”.

I polpi sono stati a lungo una fonte di fascino per i biologi marini a causa della loro prodigiosa intelligenza e del loro comportamento avanzato.

Come afferma Psychedelic Spotlight, “quanto poco la scienza sappia ancora sui polpi è sorprendente”. Il sito web ha evidenziato uno studio sottoposto a revisione paritaria del 2018 che mette in dubbio che gli animali siano alieni.

“Non sorprende che gli scienziati volessero saperne di più sulla coscienza dei polpi e su come rispondono a sostanze che alterano la mente come l’MDMA (3,4-metilendiossimetanfetamina)”, si legge sul sito. “Conosciuta per la sua capacità di aumentare le sensazioni di felicità e vicinanza, l’MDMA aumenta la produzione di serotonina, un neurotrasmettitore del cervello legato a queste sensazioni. Il cervello del polpo è simile a quello umano”.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed NederlandNewsweed PortugalNewsweed Deutschland

Newsweed è la principale fonte di informazioni sulla cannabis legale in Europa - © Newsweed