Entra in contatto con noi

La frangetta fa consumare di più?

Pubblicato

su

Bang e alimentazione sana
PUBLICITE

Cosa succede davvero in un bong? Qual è la scienza alla base del tubo dell’acqua? L’acqua e le bollicine rendono davvero più salutare l’inalazione?

Come spesso accade, è più complicato di quanto sembri. La combustione di erbe essiccate produce un flusso di fumo che contiene tutto ciò che si desidera – gli ingredienti attivi di quelle erbe – e molte cose che non si desiderano, come fumo caldo, catrame e particelle fini.

Il termine “catrame” è in realtà un termine generico per indicare le centinaia di composti sgradevoli prodotti dalla combustione. A parte la nicotina, il fumo di cannabis è qualitativamente simile al fumo di tabacco, con molti idrocarburi policiclici aromatici (IPA) che non vogliamo nei nostri polmoni.

Il bong, noto anche come “pipa ad acqua”, raffredda immediatamente il fumo facendolo passare attraverso l’acqua, consentendo un fumo morbido. L’acqua filtra anche la cenere che altrimenti potrebbe essere soffiata in bocca o nelle vie respiratorie. L’acqua agisce quindi come un filtro, da cui il colore che alla fine diventa marrone.

PUBLICITE

Non si sa, tuttavia, a quanto filtraggio siano sottoposti i cannabinoidi. Tutto ciò che si sa è che l’acqua non fa un buon lavoro nel dissolvere i cannabinoidi o i terpeni, quindi la perdita è trascurabile.

Anche il contenuto dell’acqua può cambiare la natura del fumo. L’acqua sporca produce un sapore sgradevole, con il rischio di inalare muffe se l’acqua è rimasta troppo a lungo nel guebish.

È inoltre sconsigliabile utilizzare l’alcol al posto dell’acqua, poiché l’inalazione dei vapori di alcol è tossica. Inoltre, è più probabile che i cannabinoidi e i terpeni si dissolvano nell’alcol che nell’acqua, privando così il fumo dei suoi composti più desiderabili.

Lo scambio gas-liquido avviene solo tra la superficie di ciascuna bolla e il liquido circostante. Un diffusore che produce molte piccole bolle offre un rapporto superficie/volume relativamente elevato che consente un maggiore scambio gas-liquido e presumibilmente un maggior grado di filtrazione.

PUBLICITE

Bang e scienza

Sono stati condotti pochissimi studi sulla cannabis e sui bong. Uno di questi studi è stato condotto in California a metà degli anni ’90 da Dale Gieringer, coordinatore della NORML nello stesso stato, in associazione con la MAPS, l’Associazione Multidisciplinare per gli Studi Psichedelici. Volevano testare l’efficacia di bong, spinelli e vaporizzatori. Hanno scoperto che gli spinelli non filtrati erano di gran lunga più efficaci del bong. Il bong, hanno riferito, “ha prodotto il 30% in più di catrame per cannabinoide rispetto allo spinello non filtrato”. Il vaporizzatore – all’epoca uno dei primi sul mercato – superava di gran lunga tutti gli altri, fornendo molti più cannabinoidi per unità di catrame.

Un problema, scriveva Gieringer all’epoca, era che i ricercatori erano costretti a usare cannabis di bassa qualità fornita dal National Institute on Drug Abuse, con livelli di THC del 2,3%.

“All’epoca eravamo sorpresi e un po’ delusi”, ha ricordato Gieringer. “Ma abbiamo imparato che il vaping sembrava buono, anche con quello che all’epoca era un dispositivo davvero grezzo”.

Sempre a metà degli anni ’90, il farmacologo Nicholas V. Cozzi, dell’Università del Wisconsin, ha rivisto gli studi esistenti sulle tubature dell’acqua, per lo più risalenti agli anni ’60 e ’70. Ha scoperto che i dispositivi “possono essere efficaci nel rimuovere i componenti del fumo di cannabis che sono note sostanze tossiche, lasciando relativamente intatto il THC”.

I risultati contrastanti sono a dir poco sconcertanti e sottolineano la necessità di ulteriori studi. Tuttavia, i ricercatori si sono concentrati maggiormente sugli studi sui vaporizzatori come strumento più salutare per il consumo di cannabis.

Nel frattempo, Gieringer ha dato un consiglio a coloro che cercano una forma di consumo più salutare: “Il modo più semplice per la maggior parte dei fumatori di evitare le tossine nocive del fumo”, ha scritto, “potrebbe essere semplicemente quello di fumare cannabis in modo più duro”. Ma in quantità minori.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed