Entra in contatto con noi

L’EIHA si oppone all’annunciato divieto del CBD nella Repubblica Ceca

Pubblicato

su

L'EIHA affronta l'annuncio del divieto del CBD nella Repubblica Ceca
PUBLICITE

Il 25 aprile, il Ministero dell’Agricoltura ceco ha annunciato, attraverso un comunicato stampa, che il CBD e altri cannabinoidi derivati dalla canapa non sono consentiti negli alimenti e che l’Autorità Statale di Ispezione per i Prodotti Agricoli e Alimentari (SZPI) li avrebbe quindi vietati. Molti esperti, economisti e imprenditori del settore della cannabis hanno criticato la decisione definendola illogica e non necessaria.

L’Associazione europea della canapa industriale (EIHA), che riunisce le aziende europee che promuovono il pieno utilizzo della canapa, ha deciso di agire.

L’annuncio del Ministero dell’Agricoltura ceco ha fatto seguito alla decisione della Commissione Europea (CE) di giugno di bloccare il trattamento delle richieste di autorizzazione di nuovi alimenti a base di CBD a causa delle preoccupazioni sul suo profilo di sicurezza.

L’EIHA ha quindi chiesto chiarimenti sullo status tradizionale dei prodotti naturali a base di estratti di canapa, presentando una domanda ai sensi dell’articolo 4 del regolamento UE sui nuovi alimenti.

PUBLICITE

Una zuppa papale del XIV secolo

Le norme comunitarie stabiliscono che se si può dimostrare che l’alimento in questione era ampiamente consumato come alimento nella CE prima del maggio 1997, non è necessario sottoporlo alla procedura per i nuovi alimenti. Il Novel Food non è un regolamento giuridicamente vincolante dell’UE, ma solo una raccomandazione. Ogni Stato membro può quindi giudicare autonomamente cosa sia o meno un nuovo alimento.

L’EIHA ha identificato quasi 30 esempi di utilizzo di estratti di canapa e cannabis nel corso dei secoli. Uno di questi esempi è una ricetta di zuppa del cuoco personale di Papa Martino V nel XIV secolo.

Questo piatto romano conteneva succhi di fiori e foglie di cannabis mescolati a spezie, tra cui zafferano, pangrattato e cipolla.

Lorenza Romanese, direttore esecutivo dell’EIHA, ha spiegato a Business of Cannabis che l’associazione ha scelto la via dell’Articolo 4 perché un numero crescente di Paesi non permette o vuole limitare l’uso degli estratti di canapa che contengono naturalmente cannabinoidi.

PUBLICITE

Un alimento tradizionale

Ha aggiunto: “Il Ministero dell’Agricoltura ceco potrebbe aver sentito una certa pressione da parte dell’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare in seguito alle preoccupazioni sollevate nel giugno dello scorso anno sugli isolati di CBD”

“Tuttavia, intendiamo dimostrare al Ministero dell’Agricoltura ceco che gli estratti naturali delle piante di canapa sono un alimento tradizionale utilizzato da secoli nella Repubblica Ceca e in Europa”.

Con la Repubblica Ceca all’avanguardia nelle iniziative per introdurre un mercato della cannabis ricreativa – e avendo autonomamente innalzato il limite di THC nel CBD all’1% sul campo – l’EIHA ritiene che ci sia una ragionevole possibilità di successo.

La richiesta di articolo 4 dell’EIHA è stata inviata direttamente al Ministero dell’Agricoltura ceco, che ha quattro mesi di tempo per prendere una decisione, anche se questa può essere ritardata.

Romanese, fortemente sostenuta da CzechHemp, il gruppo ceco della canapa, sta cercando di convincere il primo ministro Petr Fiala dei meriti della sua posizione.

Martedì mattina, Petr Fiala ha twittato di essere contrario al divieto del CBD nella Repubblica Ceca.

Torna al 2019

Romanese ha sottolineato che gli Stati membri possono agire autonomamente in base al principio di precauzione e che se si rifiutano di riconoscere la legalità dei prodotti a base di estratti naturali di canapa, potrebbero essere sanzionati dai propri tribunali presso la Corte di Giustizia Europea.

Parallelamente, l’EIHA continua a lavorare sulle sue richieste di Novel Food per il CBD isolato, il CBD sintetico e un estratto di canapa a spettro completo basato su un olio contenente il 10% di CBD, nonostante l’associazione non riconosca gli estratti di canapa ad ampio spettro o a spettro completo come rientranti nella classificazione di Novel Food.

Lorenza Romanese ha aggiunto: “Il CBD arricchito e il CBD isolato sono nuovi, mentre gli altri non lo sono e sono utilizzati in Europa da tempo. Il nostro obiettivo è che la Commissione europea lo riconosca e apra il mercato europeo ai prodotti tradizionali o, se volete, che ripristini il mercato com’era fino al 2019”.

Le regole dell’UE sui prodotti a base di CBD sono state modificate nel 2019 quando la CE ha stabilito che erano derivati da processi sviluppati dal 1997 e quindi erano nuovi.

La presidente di CzecHemp, Hanka Gabrielová, ha accolto con favore lo sviluppo, affermando: “Una chiara distinzione tra ciò che è nuovo e ciò che è un ingrediente alimentare tradizionale è essenziale per l’esistenza della stessa industria della canapa”

“La domanda dei consumatori di CBD esiste e non può essere ignorata. Un percorso costruttivo verso una regolamentazione significativa, come quella rappresentata dagli estratti di canapa tradizionali, è nell’interesse e nella protezione dei consumatori”. La canapa è parte delle fonti rinnovabili e della strategia di sostenibilità e il suo sostegno è davvero importante.”

La signora Romanese ha aggiunto: “Il CBD e altri cannabinoidi sono sempre stati presenti nei prodotti alimentari a base di canapa nel corso dei secoli, in particolare nell’olio di canapa ottenuto dai semi interi o dalle cime con i semi maturi.”

“Questa storia di consumo è ben documentata e l’uso di estratti di canapa come alimento è stato persino approvato dalla Commissione europea in una comunicazione del 1998”

“Dichiarando gli estratti naturali come alimenti tradizionali, la Repubblica Ceca non farebbe altro che ripristinare la situazione precedente al 2019, quando la voce del catalogo dei nuovi alimenti per la Cannabis sativa L. è stata modificata arbitrariamente”

“L’EIHA auspica una discussione costruttiva con le autorità ceche, in sinergia con il settore ceco della canapa, con l’obiettivo di raggiungere il miglior risultato sia per i consumatori che per gli operatori commerciali.”

Discussioni che saranno importanti anche per la Francia dove la mancanza di regolamentazione e gli interessi divergenti stanno causando confusione.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed NederlandNewsweed PortugalNewsweed Deutschland

Newsweed è la principale fonte di informazioni sulla cannabis legale in Europa - © Newsweed