Entra in contatto con noi

L’effetto entourage, non il THC, è il principale indicatore della potenza della cannabis, secondo un nuovo studio

Pubblicato

su

Potenza della cannabis e THC
PUBLICITE

Un nuovo studio conclude che i prodotti a base di cannabis integrale producono effetti più forti e duraturi rispetto ai prodotti composti quasi esclusivamente da THC. La ricerca fornisce ulteriori prove dell’effetto ambiente, un principio secondo cui i composti della cannabis sono più efficaci in sinergia piuttosto che assunti uno alla volta.

Lo studio è stato condotto dalla società indipendente di ricerca sulla cannabis Zentrela, con il supporto della marca di cannabis PAX.

“I consumatori che cercano effetti psicoattivi acquistano tipicamente prodotti di cannabis basati sul THC, il che è un po’ distorto”, ha detto Brian Witlin, vicepresidente dello sviluppo dei prodotti di PAX, in una dichiarazione delle due aziende.

“Nello spirito di continuare a far progredire la ricerca sulla cannabis e la comprensione della pianta – che è stata troppo limitata per troppo tempo – abbiamo voluto dimostrare attraverso uno studio scientifico come i prodotti a spettro completo con l’intera gamma di terpeni e cannabinoidi abbiano un impatto più profondo sull’inizio e sulla fine dell’esperienza della cannabis. Speriamo che questo tipo di informazioni aiuti i consumatori a capire che l’acquisto di prodotti basati sulla sola percentuale di THC non è l’indicatore principale dell’esperienza attesa.”

PUBLICITE

Spettro completo contro distillato

Lo studio ha confrontato gli effetti di due diversi prodotti di cannabis inalabili con contenuti simili di THC. Il primo era una capsula di colofonia viva della Blue Dream con l’85% di THC più cannabinoidi e terpeni naturali aggiuntivi, mentre il secondo era un distillato di cannabis con l’82-85% di THC, il PAX High Purity THC in Berry Gelato. Entrambi i prodotti sono stati consegnati come cialde per PAX Era, un vaporizzatore che funziona con cartucce di estrazione pre-riempite.

Lo studio ha anche utilizzato una nuova cuffia per elettroencefalogramma (EEG) di Zentrela che quantifica l’esperienza psicoattiva dell’utente quando consuma cannabis.

Per condurre lo studio, i ricercatori hanno innanzitutto effettuato una lettura di base dei 28 partecipanti allo studio prima che consumassero cannabis. I partecipanti hanno poi assunto due dosi (otto milligrammi) di cannabis concentrata o distillata a pieno spettro usando un vaporizzatore PAX e il dispositivo EEG è stato usato per monitorare l’attività delle onde cerebrali in otto regioni del cervello (lati destro e sinistro dei lobi frontali, temporali, parietali e occipitali) per un periodo di 90 minuti.

L’analisi dei dati assistita da computer è stata poi utilizzata per “convertire i test EEG in livelli di effetto psicoattivo (PEL) su una scala standardizzata che va da 0 a 100%”, secondo un rapporto di ricerca di Zentrela. Ulteriori analisi hanno fornito dati aggregati per ciascun gruppo di partecipanti.

PUBLICITE

Risultati dello studioLa ricerca ha mostrato che gli effetti della cannella viva a spettro completo iniziavano dopo circa tre minuti, con letture di potenza più elevate all’inizio (20,8%), al picco dopo 15 minuti (40%) e dopo 90 minuti (30,2%). In confronto, il distillato di cannabis ha iniziato ad agire in circa quattro minuti, con una potenza del 13,5%, un picco di potenza del 19,1% e una potenza del 18,1% dopo 90 minuti.

“Il primo gruppo ha mostrato una risposta psicoattiva significativamente più rapida e potente rispetto al secondo gruppo”, scrivono i ricercatori.

I risultati principali dello studio suggeriscono che i prodotti a spettro completo, a pianta intera, producono un inizio degli effetti statisticamente più rapido e un’esperienza psicoattiva più che doppia rispetto al distillato con livelli comparabili di delta-9-tetraidrocannabinolo (THC). I ricercatori attribuiscono questa differenza all’effetto entourage causato dalla presenza di composti aggiuntivi negli estratti di piante intere, in particolare fitocannabinoidi e terpeni.

“È possibile che la complessa interazione di questi composti contribuisca all’aumento dell’effetto psicoattivo osservato […] e suggerisce che il THC da solo non è l’unico fattore che contribuisce alla potenza”, scrivono i ricercatori nelle loro conclusioni.

Gli autori dello studio hanno auspicato ulteriori ricerche, tra cui studi sulle onde cerebrali per convalidare e consolidare i risultati. Gli studi futuri previsti dai ricercatori “cercheranno anche di quantificare il tempo di insorgenza e le caratteristiche di potenza dei [prodotti Pax], al fine di migliorare la comprensione delle sfumate distinzioni tra le principali cartucce offerte da PAX”, secondo gli autori dello studio.

Lo studio non è ancora stato pubblicato o sottoposto a revisione paritaria.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed Nederland

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed