Entra in contatto con noi

Astinenza da cannabis: cosa aspettarsi?

Pubblicato

su

Astinenza da cannabis
PUBLICITE

I sostenitori della cannabis generalmente rifiutano l’idea che esista una sindrome da astinenza da cannabis. Si sentono regolarmente affermazioni del tipo: “Ho fumato erba ogni giorno per 30 anni e ho smesso senza problemi. Non è una dipendenza”.

Alcuni ricercatori sulla cannabis, invece, descrivono gravi sintomi di astinenza che possono includere aggressività, rabbia, irritabilità, ansia, insonnia, anoressia, depressione, irrequietezza, mal di testa, vomito e dolori addominali.

Dato questo lungo elenco di sintomi da astinenza da cannabis, un consumatore che cerca di ridurre o smettere di usare la cannabis potrebbe avere dei dubbi. Cosa sta succedendo davvero?

Quando si dovrebbe smettere di usare la cannabis?

La definizione standard di disturbo da uso di cannabis, chiamato anche più semplicemente , si basa sulla presenza di almeno due dei seguenti criteri:

PUBLICITE
  • utilizzare più di quanto previsto
  • spendere molto tempo nell’utilizzo
  • Avere l’impulso a consumare
  • avere problemi di consumo
  • utilizzo in situazioni ad alto rischio
  • Hanno problemi a causa dell’uso
  • subire tolleranza o astinenza dopo l’interruzione dell’uso

Con la legalizzazione e l’accettazione sempre più ampia della cannabis e con la consapevolezza che è possibile essere tolleranti e avere un’astinenza fisica o psicologica da molte sostanze senza esserne necessariamente dipendenti (come gli oppiacei, le benzodiazepine e alcuni antidepressivi), questa definizione sembra obsoleta ed eccessivamente inclusiva.

Per esempio, se si sostituisse la parola “caffè” con “cannabis”, gran parte del 70% dei francesi che bevono caffè quotidianamente soffrirebbe di un “disturbo da uso di caffeina”.

Una definizione più semplice e familiare di dipendenza da cannabis potrebbe essere più utile per valutare l’uso eccessivo di cannabis: uso persistente nonostante le conseguenze negative.

Se il consumo di cannabis danneggia la vostra salute, disturba le vostre relazioni o interferisce con le vostre prestazioni lavorative, è probabilmente giunto il momento di interrompere o ridurre significativamente il consumo e di consultare il vostro medico. Nell’ambito di questo processo, potrebbe essere necessario un supporto o un trattamento in caso di fastidiosi sintomi di astinenza, che possono rendere molto più difficile l’interruzione del consumo.

PUBLICITE

Quali sono i sintomi dell’astinenza da cannabis?

I sintomi dell’astinenza da cannabis sono i seguenti:

  • una diminuzione dell’appetito
  • cambiamenti di umore
  • irritabilità
  • difficoltà a dormire, inclusa l’insonnia
  • mal di testa
  • perdita di concentrazione
  • voglia di cannabis
  • sudorazione, inclusa sudorazione fredda, soprattutto di notte
  • brividi
  • Aumento del senso di depressione
  • problemi di stomaco…

Questi e variano da persona a persona, anche se saranno sempre più lievi rispetto ad altre sostanze come l’eroina. Questi sintomi non sono necessariamente gravi o pericolosi, ma possono essere sgradevoli. Più a lungo si è fatto uso di cannabis, più è probabile che si manifestino sintomi di astinenza.

Perché la cannabis causa sintomi di astinenza

L’uso regolare abitua il cervello e il corpo a un apporto costante di THC. Quando questa assunzione viene interrotta, l’organismo impiega un po’ di tempo per abituarsi a non averla più. Questo provoca fastidiosi sintomi fisici e psicologici di astinenza.

Una volta che il cervello e il corpo si sono adattati all’assenza di THC, i sintomi fisici dell’astinenza cessano. Tuttavia, le persone possono continuare a provare un desiderio psicologico di cannabis per qualche tempo.

L’astinenza da cannabis può quindi richiedere un tempo variabile a seconda dell’individuo, del suo metabolismo e delle sue abitudini di consumo passate.

Come prevenire questi sintomi

Se siete pronti a smettere, non c’è nulla di male a rivolgersi a un medico o a uno specialista delle dipendenze. Potreste non aver bisogno di istruzioni specifiche, ma è sempre una buona idea consultare qualcuno in merito alla vostra decisione. Come minimo, questa persona può essere una buona fonte di ispirazione e di responsabilità.

Se fumavate regolarmente e spesso, ridurre gradualmente e lentamente il consumo di cannabis può aiutarvi ad abituarvi a una vita senza cannabis. Se si fuma solo occasionalmente, si può essere in grado di smettere completamente senza ricorrere al tapering.

Quando si è pronti a smettere, adottare le seguenti misure per alleviare il periodo iniziale di astinenza di 24-72 ore:

  • Rimanere idratati. Bevete molta acqua ed evitate bevande zuccherate e contenenti caffeina, come le bibite gassate
  • Mangiare cibi sani. Fate il pieno di frutta e verdura fresca e di proteine magre. Evitate il cibo spazzatura, che può rendervi letargici e irritabili
  • Fare esercizio fisico ogni giorno. Fate almeno 30 minuti di esercizio fisico al giorno. Questo dà una spinta naturale all’umore e può aiutare a eliminare le tossine attraverso la sudorazione
  • Trovare supporto. Circondatevi di amici, familiari e altre persone che possano aiutarvi a superare i sintomi dell’astinenza

Quali sono i benefici dell’interruzione dell’assunzione di cannabis?

Se avete deciso di smettere di usare la cannabis, per o perché interferiva troppo con la vostra vita quotidiana, l’astinenza da cannabis dovrebbe soddisfare il suo scopo originario. Tuttavia, la sospensione della cannabis può anche avere effetti benefici sul corpo.

Respirare meglio

Il fumo, di qualsiasi tipo, è dannoso per i polmoni. Il consumo frequente di cannabis è associato a sintomi di tosse o bronchite mattutina nei giovani adulti. La buona notizia è che i polmoni possono iniziare a guarire già da uno o tre giorni dopo l’interruzione della cannabis (e possono continuare a guarire per diversi anni). Tuttavia, si possono subire danni polmonari irreparabili, a seconda di quanto e per quanto tempo si fa uso di cannabis.

Migliore memoria

Il cervello impiegherà un po’ più di tempo per ripararsi una volta smesso di assumere cannabis, anche se il processo inizia immediatamente. Dopo quattro settimane di astinenza, i recettori cerebrali che regolano i processi neurologici – come il piacere, la motivazione, la memoria, l’apprendimento, le funzioni cognitive e il controllo della motricità fine – iniziano a tornare a funzionare normalmente.

Dormire meglio

La cannabis può aiutare ad addormentarsi, ma la qualità del sonno ne risente. Anche dopo aver smesso di assumere cannabis, è comune riscontrare problemi di sonno persistenti.

Per alcuni giorni o settimane dopo l’interruzione del consumo di cannabis, alcune persone possono soffrire di insonnia, mentre altre possono avere incubi o sogni vividi che disturbano il loro sonno, ma questi problemi tendono a diminuire da 10 a 20 giorni dopo l’interruzione della cannabis.

Riduzione dell’ansia

Se la cannabis vi fa sentire ansiosi, in preda al panico o alla paranoia, non siete i soli. I cannabinoidi, in particolare il THC, possono sovrastimolare l’amigdala, la parte del cervello che controlla emozioni come ansia, panico, paranoia e paura. Fortunatamente, è possibile liberarsi di queste emozioni negative entro pochi giorni o due settimane dall’interruzione della cannabis.

A chi rivolgersi se si ha bisogno di aiuto

Se avete bisogno di aiuto per smettere di usare la cannabis, una delle cose che potete fare è contattare il CSAPA più vicino. Questi centri di cura, sostegno e prevenzione delle dipendenze, luoghi dedicati ai problemi di dipendenza, saranno in grado di ascoltarvi e sostenervi, senza giudizio, nel vostro percorso.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed