Entra in contatto con noi

I livelli di THC dovrebbero essere limitati? La Florida pone la domanda

Pubblicato

su

Limite di THC nella cannabis in Florida
PUBLICITE

Con la legalizzazione della cannabis per uso adulto che probabilmente verrà votata in Florida questo novembre, i legislatori della Sottocommissione per la Regolamentazione dell’Assistenza Sanitaria della Camera dei Rappresentanti dello Stato della Florida hanno approvato una versione emendata di una misura che limiterebbe il THC nei prodotti di cannabis ricreativa.

Prima di procedere con l’HB 1269, la commissione ha adottato un emendamento del suo sponsor, il deputato repubblicano Ralph Massullo, che aumentava significativamente il limite massimo di THC proposto per i fiori di cannabis al 30%, rispetto al 10% della proposta di legge originariamente introdotta.

Oltre alla restrizione sui fiori, la misura di Massullo imporrebbe anche un limite del 60% di THC su tutti gli altri prodotti a base di cannabis e fisserebbe una dose di 10 milligrammi di THC per gli edible, con un massimo di 200 mg per confezione.

Sebbene la sottocommissione abbia portato avanti il progetto di legge, alcuni membri hanno espresso preoccupazioni sulla proposta.

PUBLICITE

Perché limitare i livelli di THC?

I limiti massimi di THC proposti dai legislatori intendono rispondere alle preoccupazioni sulla potenza dei prodotti di cannabis disponibili per uso non medico. Poiché sempre più Stati hanno legalizzato la cannabis negli Stati Uniti e i prodotti con alte concentrazioni di THC diventano più ampiamente disponibili, alcuni sono preoccupati per gli apparenti legami tra questi prodotti e i problemi di salute mentale, in particolare per i cervelli in via di sviluppo.

I sostenitori di queste misure, tra cui il rappresentante Ralph Massullo e la presidente della commissione Colleen Burton, sottolineano l’importanza di stabilire regolamenti come misura preventiva. Essi sostengono che la definizione di limiti di THC può promuovere la sicurezza e mitigare i potenziali rischi associati ai prodotti ad alto contenuto di cannabis.

Tuttavia, i limiti proposti sono stati accolti da una forte opposizione da parte delle aziende di cannabis medica che già operano in Florida, come Trulieve, e dai sostenitori della cannabis.

I critici sostengono che i limiti al THC potrebbero involontariamente spingere i consumatori verso il mercato illegale, dove i prodotti non hanno un sufficiente controllo di qualità e presentano rischi maggiori.

PUBLICITE

Inoltre, sono state espresse preoccupazioni circa la fattibilità e l’efficacia dell’applicazione dei limiti massimi di THC, in particolare in un mercato in cui esiste una domanda di prodotti ad alto contenuto di THC. I critici mettono in dubbio l’adeguatezza di specifiche soglie di potenza e sottolineano la necessità di politiche basate sull’evidenza.

Il dibattito si concentra anche sul potenziale impatto sulla scelta dei consumatori e sulle dinamiche di mercato. Alcuni legislatori, come il rappresentante Kelly Skidmore, esprimono riserve sulla creazione di regolamenti divergenti per la cannabis medica e ricreativa. Essi sottolineano le sfide legate alla gestione dei mercati paralleli e alla garanzia di un accesso equo ai prodotti della cannabis.

Resta da vedere se il tetto massimo di THC si rivelerà un’efficace strategia di riduzione del danno o un ostacolo alla legalizzazione della cannabis in Florida.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed Nederland

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed