Entra in contatto con noi

Malta avvierà la procedura per l’apertura di Cannabis Social Club nel febbraio 2023

Pubblicato

su

Apertura dei Cannabis Club a Malta
PUBLICITE

Inizio ritardato dell’implementazione dei Cannabis Club a Malta. Il Paese che aveva intenzione di aprire i primi social club nel 2022 sta posticipando l’apertura delle domande di licenza al 2023.

L’Autorità per l’Uso Responsabile della Cannabis (ARUC) sarà in grado di iniziare ad accettare le domande di licenza per i cannabis club entro il febbraio del prossimo anno, secondo il Segretario parlamentare Rebecca Buttigieg.

Parlando in Parlamento, la signora Buttigieg ha detto che le potenziali associazioni di cannabis potranno richiedere una licenza l’anno prossimo, come riportato da MaltaToday.

, permettendo alle persone di coltivare fino a quattro piante di cannabis nelle loro case private. A parte l’autocoltivazione, le associazioni di cannabis sono l’unico modo legale per ottenere prodotti a base di cannabis. Tuttavia, al momento non è consentita la formazione di alcun Cannabis Club.

PUBLICITE

I Cannabis Club sono associazioni di coltivatori che mettono in comune le loro risorse e condividono il raccolto tra i loro membri.

Nell’ambito della . L’Autorità per l’uso responsabile della cannabis avrebbe dovuto regolamentare il settore, svolgendo al contempo attività di educazione, sensibilizzazione e mobilitazione degli stakeholder del settore.

Mariella Dimech, ex coordinatrice dei programmi di disintossicazione della Caritas, è stata la prima presidente esecutiva dell’autorità. Nominata nel 2021 per un mandato di tre anni, è stata licenziata all’inizio di questo mese.

In una dichiarazione che annunciava il suo licenziamento, la signora Dimech ha affermato di aver trascorso il suo mandato lavorando “senza personale, senza budget e con una strategia politica e decisionale che non condividevo”.

PUBLICITE

Leonid McKay, un ex direttore della Caritas che era piuttosto cauto sulla legalizzazione della cannabis, è stato nominato presidente esecutivo dell’autorità, con grande disappunto dei gruppi locali a favore della legalizzazione.

“Releaf Malta non approva il nuovo presidente, Leonid Mckay, a causa della sua precedente posizione proibizionista contro le persone che fanno uso di cannabis e degli anni trascorsi alla Caritas disumanizzando la voce delle persone che fanno uso di cannabis ed etichettandoci come pazienti malati bisognosi di riabilitazione”, aveva detto Releaf Malta.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed